Nuove martellate Apple sul Samsung Tab

24 aprile, 2012 2 Commenti »

Sembra proprio che Apple non sia soddisfatta delle modifiche realizzate da Samsung sulla sua linea di tablet Galaxy Tab presentati in Germania questo mese. Secondo l’azienda, il Galaxy Tab 10.1N, infrange ancora adesso per forma e contenuti i brevetti Apple.


Apple è riuscita a bloccare la vendita del tablet Samsung anche in altri paesi del mondo, anche se per brevi periodi di tempo, adesso, tuttavia, pare che Samsung abbia adottato delle contromisure volte ad evitare che Apple possa avviare un’ulteriore causa. Ma riuscirà il Galaxy Tab 10.1N con il suo speaker frontale e tutto il resto ad evitare che Apple lo blocchi ancora in Germania?

La discussione del caso è prevista per il 5 giugno, come ha detto un portavoce dell’alta corte di Dusseldorf. La corte regionale verificherà le modifiche apportate da Samsung al Galaxy Tab con l’introduzione del 10.1N e quindi deciderà come proseguire nella causa. Va notato come, tra l’altro, questo caso parrebbe essere indipendente dalle altre cause per le quali Samsung e Apple si sono incontrate per cercare di raggiungere un accordo nel corso dell’ultimo mese.

Per il futuro ci aspettiamo che la battaglia legale tra Apple e Samsung possa continuare ancora per molto tempo. Non è solo una questione di orgoglio professionale, ovviamente, ma anche di protezione dei brevetti. Naturalmente in tutto questo rientra anche una importante questione di vendite: voi non cerchereste di perseguire legalmente una società che ha creato qualcosa che somiglia molto da vicino ad un vostro prodotto che vende milioni di pezzi in tutto il mondo? Come vi sentireste se foste Samsung?

Samsung_Tab_101N

Potrebbero interessarti ...

  • Nicola

    Se elimini il principale concorrente dal mercato l’utente non avrà altra scelta che comprare i tuoi prodotti… togli all’utente la libertà e l’utente andrà verso la concorrenza… mi sembra ovvio :-D

  • Ponzio

    Come sa chi lo conosceva bene, la principale caratteristica di Steve Jobs era l’invidia e l’odio viscerale verso qualunque progetto informatico interessante non concepito da lui; tale atteggiamento era l’ovvia conseguenza del senso di inferiorità che nutriva nei confronti dei suoi colleghi, per il fatto di non essere riuscito neppure a prendersi la laurea.
    Basterebbe ricordare che Jobs si innervosiva parecchio quando qualcuno provava a ricordargli i grandi meriti di Steve Wozniak nel successo di Apple.

    La triste realtà è solamente questa: Jobs ha lasciato la sua invidia in eredità ad Apple e ciò si traduce in una guerra contro un prodotto come il Samsung Galaxy Tab con Android 4, palesemente superiore all’iPad.