Intel: Android non è pronto per le CPU multi-core

11 giugno, 2012 2 Commenti »

Ma come? Ma perché? Nvidia, ARM e compagnia bella si sforzano di produrre CPU con due, tre, quattro o cinque core, poi arriva Intel e che fa? Dice che Android non è ancora pronto per gestire adeguatamente i processori multi core? Fermiamoci e cerchiamo di capire perché…


L’affermazione arriva da Mike Bell, GM di Intel Mobile e Communications Group, il quale è convinto che, almeno per adesso, Android non riesce ad utilizzare in modo efficace e produttivo i processori con più di un core. E, a quanto pare, i produttori di smartphone non fanno nulla per cercare di migliorare la situazione.

L’affermazione è pesante perché proviene da un’azienda che con i processori ha fatto la sua fortuna, ma va trattata con le molle proprio per lo stesso motivo, visto che Intel è entrata proprio in questi ultimi mesi nell’ecosistema Android, lanciando il primo smartphone basato su architettura Medfield in India e poi lanciando in Europa un altro smartphone, per adesso disponibili solo nel regno unito. Il perché quest’affermazione vada preso per le molle è presto detto: Intel ha dotato i suoi primi smartphone Android di processori Medfield single core, mentre i concorrenti sono già alle prese con i quad core.

Il problema, secondo il colosso, non è confinato al solo Android, ma va oltre, estendendosi ai produttori che non fanno abbastanza per ottimizzare il sistema operativo, ma si limitano a lanciare device con processori con due e quattro core senza che questi vengano sfruttati al meglio.
Secondo Intel, per com’è strutturato e implementato Android in questo momento, il sistema operativo non riesce a fare un uso corretto dei core a disposizione. Purtroppo in questo Google non è di certo aiutata dai produttori stessi dei processori, che ben poco fanno al proposito.

Addirittura, secondo Mike Bell spesso l’attivazione del secondo core è più un danno che non un vantaggio per il dispositivo, a causa del modo in cui viene sfruttato (evidentemente male, secondo lui) dal sistema operativo. Secondo Bell occorrerebbe un maggior sforzo coordinato tra Google e i vari produttori di SOC per far crescere Android e annullare quello che da lui è visto come lo svantaggio più grande di questo sistema operativo.

medfield

Potrebbero interessarti ...

  • karoo

    ok, ma una spiegazione più tecnica sarebbe doverosa da parte di intel

  • maghat

    commento di dicembre 2012, quando intel ha lanciato il suo primo smartphone dual core…