Presto Firefox sarà molto più veloce su Android

17 ottobre, 2011 1 Commento »

Mozilla ha deciso che su Android le prestazioni sono più importanti degli add-on con i quali è possibile personalizzare il browser, per questo Johnathan Nightingale, Director of Firefox Engineering, ha detto che Firefox userà l’interfaccia nativa Android al posto della tecnologia XUL.


Nightingale ha affermato che “Firefox su Android è una parte critica del supporto per l’Open Web, e questa decisione ci mette nella condizione di poter realizzare il miglior Firefox possibile”. Firefox è largamente utilizzato sui computer, ma è una rarità vederlo sui dispositivi mobile, laddove è praticamente schiacciato tra Safari di Apple e il browser standard di Android. Secondo Nightingale, utilizzare l’interfaccia nativa Android per Firefox permette di migliorare i tempi di avvio, utilizzare un minor quantitativo di memoria durante la navigazione e rendere più lineare lo zoom e lo scorrimento, oltre a consentire un miglior utilizzo della batteria, prolungando così l’autonomia del device. Al momento non è chiaro quando potremo vedere la nuova versione di Firefox realizzata secondo queste line guida. In effetti il tempo di avvio esagerato era uno dei talloni d’Achille di Firefox rispetto agli altri browser Android. Se, come prevede Nightingale, basterà intervenire sulla UI lasciando inalterato il motore di browsing Gecko per migliorare Firefox, presto anche questo browser potrebbe dire la sua nel panorama Android. D’altra parte, però, c’è da considerare che abbandonare XUL significa anche mettere in difficoltà chi ha realizzato add-on usando questa tecnologia, senza contare che questo renderà più complicato la traduzione dell’interfaccia in altre lingue, ma sono entrambi problemi che Nightingale ha intenzione di risolvere. Maggiori informazioni si avranno entro la prossima settimana, quanto il team di sviluppo di Firefox avrà ben chiaro come e dove intervenire.

Firefox-logo

Potrebbero interessarti ...

  • Francesco

    Sarebbe ora che abbandonino XUL pure sul firefox che troviamo sui nostri desktop: è un modo per creare interfacce un po’ antiquato e nel panorama odierno è richiesta modernità. Potrebbero sempre rendere l’architettura per creare add-ons un ulteriore add-on in modo da non perdere gli affezionati a tutte le feature aggiunte… Non capisco come mai firefox si accontenti del secondo posto dietro chrome :/